Martedì, 05 22nd

Last updateLun, 21 Mag 2018 8am

Qualcuno si ricorda com'erano davvero i "diccì"?

Se ce lo siamo dimenticati, una rinfrescatina ce la dà una intervista di Giovanna Casadio a pagina 5 de "la Repubblica" di domenica 6 maggio. Intervistato è Ciriaco De MIta, 90 anni, ancora sindaco al suo paese natale, Nusco, in provincia di Avellino. Un vita spesa in politica, nelle file della Democrazia Cristiana, parlamentare per circa 45 anni, segretario del partito, ministro, presidente del Consiglio. Vi propongo alcuni passi della intervista, veri e propri fendenti da far sprofondare i destinatari: dicono molto di più quegli stringati acuminati giudizi delle arzigogolate analisi (?) politiche di certi pomposi professori. Purissimo stile democristiano. Opinioni che io (che nella mia vita mai ho votato diccì) sottoscrivo senza riserva alcuna. Rimpiango la DC? No, ma certo difronte alla accozzaglia di nani affaristi - per di più anche incolti e ignoranti - che vogliono mettere la mani su questo Paese, mi viene da recitare: ah ridateme Piero Gobetti, Antonio Gramsci, Filippo Turati, Giovanni Amendola, Carlo e Nello Rosselli, Ernesto Rossi, Piero Calamandrei, Ferruccio Parri,  Luigi Einuadi, Alcide De Gasperi, Palmiro Togliatti, Niccolò Carandini, Adriano Olivetti, Leo Valiani, Mario Pannunzio, Norberto Bobbio, Pietro Nenni, Ugo La Malfa, Enrico Berlinguer, Aldo Moro, e....

Quale giudizio del leader 5Stelle?

"Luigi Di Maio è un ragazzo che pretende di candidarsi a Palazzo Chigi"..."...si è inventato presidente del Consiglio cambiando l'abbigliamento, la postura. Ma io non gli ho mai sentito fare un ragionamento, solo delle affermazioni".

E di Salvini?

"Credo che non abbia la conoscenza della complessità dei problemi del Paese. Mi pare uno che voglia tenere insieme tutto e il contrario. Leggo che entrambe le forze politiche, 5Stelle e Lega, vogliono fare un referendum per uscire dell'euro e non approvare il bilancio della UE. Non sanno quello che dicono".

Il passato insegna qualcosa o siamo sull'orlo di un mutamento di sistema per cui l'esperienza non aiuta?

"Trovare una strada politica presupponeva una consapevolezza della drammaticità della situazione, così da non rivendicare il proprio particolare. Occorreva che tutte le forze politiche si fossero candidate a superare le difficoltà. Invece oggi ciascuno parla secondo le proprie opinioni e convenienze".

Il Pd.....

"Il Pd non l'ho mai capito. E credo sia difficile capirlo adesso. Manca lo spirito di guida, c'è solo la suggestione del comando...Del Pd non ho mai condiviso molto. Ero anzi contrario a farlo, ma - dissi - se si fa almeno si sappia cosa si va a fare".

Sei qui: Home Qualcuno si ricorda com'erano davvero i "diccì"?