Sabato, 07 21st

Last updateVen, 20 Lug 2018 8am

La vela come terapia disegna la sue rotte sul Garda

SALO’ - Venerdì sera il progetto di vela terapia riabilitativa «Itaca» dell’Ail di Brescia e Verona  ha fatto tappa alla Canottieri Garda, dove era in programma la veleggiata in notturna del golfo di Salò. Nel gruppo di quasi 150 persone c’erano pazienti, parenti, amici, volontari, infermieri e medici, tutti ospiti del sodalizio sportivo gardesano con alla testa il presidente Marco Maroni e il direttore Ivan Carrè.  Tra gli skipper c’erano, oltre al titolato Oscar Tonoli, Paolo Nocivelli, Simone Dondelli, Francesco Tirelli, Giannino Boventi, Max Tosi, Patrizia Anele, Massimo Goffi, Giorgio Perozzi, Vittorio Lanzani, Andrea Barzaghi, Luciano Galloni, più gli stessi animatori del progetto, primo su tutti il dottor Giuseppe Navoni, presidente dell’ Ail Brescia.

"L’obiettivo è quello di diffondere la vela terapia quale metodo terapeutico volto alla riabilitazione psicologica e al miglioramento della qualità della vita dei malati ematologici ed oncologici. L’iniziativa – è stato sottolineato  dagli organizzatori – sa proporre forti emozioni e suggestioni, complici il vento e le brezze del Garda che accompagnano nella veleggiata  gli stimoli che sanno offrire. Ma l’emozione più profonda è data dall’equipaggio, che insieme vive un’esperienza unica, lontano dai luoghi di cura e in un contesto di assoluta reciprocità".

Tra un mese, il 4 agosto, “Itaca Day” avrà l’onore di aprire a Gargnano i "Cento Eventi", le gare, non solo veliche, legate alla Centomiglia del Garda  (8-9 settembre), la regata più bella al mondo in acque interne. Il circuito di Itaca 2018 era salpato lo scorso 19 maggio dall’ Associazione Nautica Sebina che in collaborazione con Circolo Velico Controvento aveva tenuto a battesimo  la dodicesima edizione di queste veleggiate, promosse dall’ Associazione Italiana contro le Leucemie i Linfomi e il Mieloma, sezione di Brescia con la collaborazione delle associazioni amiche “Ail Verona”, “Ail Lecco”, “Ail Bergamo”; undici uscite tra Benaco, Sebino, Lario e Ceresio.

Sei qui: Home La vela come terapia disegna la sue rotte sul Garda