Martedì, 09 17th

Last updateMar, 17 Set 2019 8am

Inverosimile, nessun aggettivo più azzeccato

Visite: 84

Che meraviglia leggere quando chi scrive ha una padronanza totale del vocabolario della lingua italiana! Ho iniziato (ne ho lette 62 pagine senza accorgemene, la leggerezza dello scrivere è veramente un dono divino) l'ultimo libro di un grande giornalista italiano, recentemente scomparso: Vittorio Zucconi. «Il lato fresco del cuscino - Alla ricerca delle cose perdute», questo il titolo, già molto originale. Un brano da pagina 13:

"C'era in me, come capita agli esseri umani quando sentono che la vita si accorcia e il domani è sempre meno garantito, quel sentimento che si chiama depressione. Era scattato la sera del martedì 8 novembre 2016, quando, attorno alla mezzanotte, era apparso inevitabile che un uomo inverosimile chiamato Donald Trump era riuscito a diventare presidente degli Stati Uniti e con lui tutto il peggio che da sempre dorme nel ventre di una nazione era affiorato e aveva affermato, con pieno, diritto, il desiderio di invertire il movimento della storia e di lanciare l'ultimo urrà, l'ultina carica di un'america rancorosa, cattiva e sconfitta. Fui assalito da un pensiero angoscioso: forse non avrei vissuto abbastanza per vederlo passare, come avevo visto passare altri, forse non avrei avuto il tempo per vedere l'America, nella quale aevo scelto di vivere e di trapiantare la mia famiglia, risollevarsi".

Inverosimile, solo un genio della scrittura poteva definire così questo assurdo individuo, che, a me, ha sempre fatto venire in mente, uno di quei mascheroni che si usavano nella tragedia greca. Tragici mascheroni, non solo lui...e non solo in America, ma oggi non voglio allargarmi.


Idioti all'arrembaggio del fidanzamento in diretta

Visite: 81

Come sempre - diciamo quasi - Michele Serra è come un bisturi per incidere i bubboni di questo assurdo mondo che ci circonda e ci opprime. Vi trasferisco un brano da lui scritto nella sua rubrica «Satira Preventiva» su uno degli ultimi numeri de «L'Espresso». Tema la RAI, uno sfascio, cioè fascio con una esse iniziale. Scrive:

"La nuova moda delle richieste di matrimonio in diretta sta mettendo seriamente in crisi anche i telegiornali, le previsioni del tempo, le dirette sportive: ogni dieci minuti un imbecille in ginocchio interrompe la trasmissione per chiedere alla conduttrice di sposarlo; spesso alla conduttrice di un altr' trasmissione, generando grave confusione. «È una pratica che non possiamo più tollerare», spiega l' AD Salini (AD sta per Aldo Dante Salini). Si sta pensando di regolamentare il fenomeno possibilmente convogliandolo nel nuovo talent Italian Promises of Mariage, che selezionerà decine di migliaia di spasimanti ambosessi in tutta Italia, incoronando alla fine la migliore o il migliore domanda di matrimonio in diretta. Il ministro della Famiglia, Fontana, ha chiesto di non includere nello show, così nevralgico per la famiglia italiana, omosessuali, divorziati, suore, preti, minorenni, donne in età non più fertile, maschi sterili, tossicodipendenti, persone molto basse, persone troppo alte, persone di fuori Verona.In pratica, potranno partecipare solo lui e sua moglie".

Per favore, signor Michele, oltre alla RAI, bastoni pure i redattori del sito Internet del gruppo editoriale per il quale lei scrive, riuscendo ancora a strapparci un sorriso, anche più d'uno. Non se ne perdono una di queste comparsate. Recentemente sono arrivati a pubblicare una foto stomachevole di un idiota che aveva messo l'anello di fidanzamento in un salsicciotto, wurstel, salamina leghista della montagna brescio-bergamasca. Da vomitare. Se fossi il direttore e mi accorgo di un tale schifo, giuro, prendo a calci nel culo il redattore.

Un semplice propostina finale. Ma non avete proprio niente altro da pubblicare che queste belinate? Non è ora di piantarla? Fu simpatico il cinesino che fece il gesto ai Giochi Olimpici per conquistare la sua bella, una volta passi, adesso è solo una pagliacciata. La chiave l'avete in mano voi, signori giornalisti: non pubblicate più notizie, foto, video, che si facciano i loro stupidi selfie da soli. In più credo che non gliene freghi niente a nessuno se il signor Cagafusi è caduto in ginocchioni davanti alla sua Assuntina mentre mangiavano una quattro stagioni alla Pizzeria Mariuccia. Sù, da bravi, piantatela lì, oppure mettete una agenzia matrimoniale.

Sea Watch, lettera al cattivista, di Luca Bottura

Visite: 88

Copiato di sana pianta dal sito di «La Repubblica», scritto dal giornalista Luca Bottura. Forza, dopo Paolo Berizzi, cercate di ammazzare anche Luca. Ammazzateli tutti.

Dai, che adesso sei contento.

La figlia di papà, la zecca rossa, la rasta… hai visto come stava bene sulla macchina della Gdf?
Ti è piaciuto vedere l’agente che le spingeva la testa verso il basso, come si fa coi criminali veri?
Tu, bandierino social, fenomeno da tastiera, concentrato di livore, quello che “aiutiamoli a casa loro” e poi se li aiutano “ma perché non si fanno i cazzi loro?”.

E tu, pompiere intellettuale, diportista a morale alterna, che – per carità – mica è sessismo, se le augurano di finire impalata per una parte precisa del corpo. Sono i social cattivi. Ma poi sui social sgangheri, vilipendi, ti accanisci sui deboli.
E pure tu, carne da cannone della propaganda, del gioco al ribasso sempre e comunque, del buono trasformato in buonista per potergli dare del coglione.

Tu che “ordine e disciplina”, ma per gli altri.
Tu che quando c’era l’Apartheid… beh, lo diceva la legge. Che quando l’amico del duce gasava le sue vittime… beh, c’era una legge. Che quando un partito truffa lo Stato… eh, aspetta un attimo… “la legge è uguale per gli altri”.
Sei contento, dai. Tanto contento.
Ora che una ragazza che per 1500 euro al mese ha rischiato la galera, l’ha trovata, mentre le davi della figlia di papà…

Siamo un Paese più equo, meritocratico, moderno.
Ricco. Soprattutto onesto.
Non abbiamo più quattro Regioni – a crescere – in mano alla ‘ndrangheta, alla camorra, a Cosa Nostra.

Tuo figlio non dovrà emigrare perché lo sorpassa qualche raccomandato, e ti dà fastidio solo perché non sei tu.
I tuoi concittadini non ti metteranno più le mani in tasca tenendosi nella medesima 180 miliardi l’anno di nero, quelli con cui tuo figlio lavorerebbe al Mit di Roma. Che sarebbe più ricco e famoso di quello di Boston.

Nessuno ti ruberà più il lavoro.
Nessuno insidierà le tue donne. Potrai insidiartele da solo, come sempre. Appunto perché pensi siano tue.
Nessuno commetterà reati. Anche se… lo sai che gli immigrati regolari in carcere, percentualmente, sono MENO degli italiani?

E quando ti accorgerai come sempre che ti hanno preso per i fondelli, che il tuo Capitano poteva ridistribuire i migranti in Europa ma non si è mai presentato per chiederlo, perché gli servono così, gli servi così, impaurito e ubbidiente… sarai ancora una volta quello che non sapeva, che se c’era dormiva, come in quel vecchio film di Toto e Fabrizi: “Sempre stato anti, io”.

Quel giorno forse un po’ ti vergognerai.
O forse no.
Perché questo è forse l’unico caso nella storia in cui il problema potrebbe davvero essere ben altro.
Ma la verità è che il problema sei tu.

Roma ha perduto il caput, non solo mundi

Visite: 83

Ho finito nella notte insonne un bel libro che vi segnalo, io vi consiglio di leggerlo, è pieno di notizie e personaggi che non si imparano a scuola. Lo ha scritto Vittorio Emiliani, un bravo giornalista: da «Il Mondo» di Mario Pannunzio a «L'Espresso», dal quotidiano «Il Giorno» al romano «Il Messaggero», fino a diventarne il direttore per parecchi anni. Poi una intensa attività di scrittore, con tanti saggi di politica e non solo, nove solamente fra il 2010 e il 2018. Questo che ho finito di leggere io è l'ultimo, pubblicato da «Il Mulino» nel 2018. Titolo: «Roma capitale malamata». Basterebbero le definizioni di Goffredo Parisi («un suk») o di Mario Soldati («la morte») per intuire che Roma non è mai stata amata dagli italiani. Malamata, e Emiliani, in 276 pagine, lucidamente ci spiega perchè, attraverso il lungo cammino da Cavour ai lanzichenecchi moderni, molto più perniciosi di quelli del Sacco di Roma del 1527. A proposito, lo sapevate che 'sta marmaglia di truppa di cinque secoli fa era stata quasi tutta reclutata a Bolzano e Merano?

Qui riporto brani presi qua e là. Nello svolgersi del racconto Emiliani ci mette davanti ai 52 morti e 187 feriti dei tumulti scoppiati a Torino quando si seppe (era il 1864) della decisione di trasferire a Roma la capitale del Regno. E i soldati piemontesi fecero fuoco sulla folla, te pareva? Sapevate il nome del fondatore della Società Ginnastica Roma, nel 1890? Un figlio di Garibaldi, Menotti. A pagina 69 si legge:«Menotti costituisce con altri 700 soci la Società Ginnastica Roma, tuttora esistente, espressione vera, laica e anche massonica, della Terza Roma neo-borghese con alcuni aristocratici o non romani e non papalini evidentemente...Una polisportiva in realtà dove ai ginnasti si uniscono i nuotatori (nel Tevere naturalmente), gli appassionati del gioco del pallone col bracciale, delle corse, veloci e di resistenza, del velocipede, del neonato in Italia football e presto anche del tennis e della palla al cesto. Terzo presidente della SGR lo stesso Ernesto Nathan, prossimo sindaco mazziniano. La SGR è la prima ad avere una sezione femminile con a capo la piemontese donna Carolina Rattazzi, moglie dinamica ed evoluta di Urbano Rattazzi jr., senatore e ministro, e attiva dirigente anche della Federazione Ginnastica Italiana».

Poi venne il secondo Sacco della città, quello urbanistico-speculativo, senza una visione se non quella degli affari. «La grande bouffe immobiliare ed edilizia si protrarrà a cicli, fra fiammate speculative impressionanti e recessioni disastrose, per decenni cementificando largamente quanto di verde, sovente anche agricolo, vigne e oliveti soprattutto, ha resistito fino al 1870 anche all'interno delle mura Aureliane. Roma subisce così, a ondate, una violenza sociale che la segnerà per sempre...».

Poi venne un tale da Predappio un tale, di nome Benito, il quale nel 1910, sulla sua «Lotta di classe» aveva definito Roma «...città parassitaria, di affittacamere, di lustrascarpe, di prostitute, di preti, di burocrati. Roma...non è il centro della vita politica nazionale, ma sibbene il centro e il focolare d'infezione della vita politica nazionale...enorme città vampiro che succhia il miglior sangue della nazione». Ancora pochi anni, scrive Emiliani, e il duce del fascismo capovolgerà totalmente queste opinioni. Dopo che il regime ha "santificato" Roma...Benito riceve, onore supremo dirà lui, nel 1924 la cittadinanza di Roma - di quella Roma che ha additatao al mondo come il centro e il focolare d'infezione della vita politica italiana». A me pare di sentire gli slogan farseschi di un tale che chiamavano el senatúr il quale tuonava contro «Roma ladrona», poi si è scoperto che si grattava molto di più dalle parti di Gemonio.

L'ultimo capitolo del libro sarebbe da riportare qui per intero. Ma, a parte che non si può fare, son troppo pigro per farlo. Ma alcuni passaggi sono d'obbligo. Roma...

"con una Chiesa, grande proprietaria di immobili e di aree fabbricabili, così spesso in stretta, secolare alleanza coi palazzinari di turno. Chiesa che tuttora detiene un partimonio immobiliare e fondiario vastsissimo nel cuore di Roma...";

"...con la questione dell'IMU e di altre tasse che il Vaticano dovrebbe pagare e che paga soltanto in parte per gli immobili adibiti ad attività commerciali...vi sono 273 strutture alberghiere delle quali soltanto una su tre paga l'IMU...";

"...la proliferazione dei Bed & Breakfast abusivi è dirompente. Un'alluvione..."... che si risolve nella mediocrità dell'offerta e della domanda turistica che s'insinua per ogni dove come un'esondazione volgare";

"...la Roma di oggi, invasa e violentata dal turismo di massa e dalla sua volgarità, sepolta da negozi che eruttano autentiche colate di souvenirs sempre più orrendi...Fellini sosteneva che il Macheccefrèga e l'ancor più popolaresco Sticàzzi fossero un tratto fondamentale del suo carattere, del suo modo di essere eternamente cosmopolita e disincantata...";

"...Roma va avanti come può...".

D'altra parte, con una triade come quella che ha sempre allungato le mani sulla città, che ci si poteva aspettare? Quale triade, chiedete? Preti, principi neri, politici, aggiungete a volontà massoneria, fascismo (sempre ben presente) e bottegari, ed ecco Roma, e la sua P3 a la carbonara.

Berlinguer, una vita per un Paese migliore

Visite: 91

Sono andato a rileggere alcune delle pagine scritte con il suo stile inconfondibile da uno dei migliori osservatori del mondo politico italiano: Filippo Ceccarelli. Quarant'anni di giornalismo politico fra «Panorama», «La Stampa» e «La Repubblica». Ha raccolto nella sua carriera uno sterminato archivio che ha donato alla Biblioteca della Camera dei Deputati. Ha scritto un libro nell'ottobre del 2018, edito da Feltrinelli, che, per me, è un capolavoro di storiografia politica nazionale, scritto con una leggerezza, uno humor, talvolta un sarcasmo, che lo avvicinano al romanzo più che al saggio. Se dovessi mai essere chiamato a fare il ministro dell' Istruzione, dell'Università e della Ricerca (se lo fa l'insegnante di eduzione fisica Marco Bussetti, perchè non io, son 61 anni che mi occupo di sport, l'unico neo è che non ho allenato il Basket Gallarate) mi batterei per farlo adottare negli istituti superiori. Già il titolo è un piccolo capolavoro: «Invano - Il potere in Italia da De Gasperi a questi qua», dove il «questi qua» dice tutto senza bisogno di nient'altro. Parlando qualche giorno fa di Enrico Berlinguer, mi son ricordato di alcuni passaggi che Ceccarelli ha dedicato al segretario del Partito Comunista Italiano. Ne ricopio alcuni, sperando di non fare uno sgarbo all'autore, al quale va tutta la mia (insignificante) stima.

"Come tutti i timidi aveva un sorriso splendido. Mal si adatta l'espressione al personaggio, ma bucava lo schermo. «Il ritmo e il disegno simmetrico» delle sue mani impressionarono Mario Soldati...Berlinguer parlava difficile, togliendosi e rimettendosi di continuo gli occhiali. Teneva duro sull'identità comunista, forse perchè presentiva che stava venendo meno> Ma fino all'ultimo restò depositario del nesso che in lui teneva insieme passione, tecnica politica ed esistenza. «Con la questione morale» ha scritto Ernesto Galli della Loggia «egli costruì il suo monumento. Entrò per sempre nei cuori e nel ricordo di milioni di italiani facendo apparire le sue miopie ideologiche e culturali (che furono moltissime) e la sua timidezza politica (che fu non poca) come cose assolutamente irrilevanti». Vero. Ma oggi quanti miopi e timidi disonesti intrattengono milioni di italiani proclamando il nulla nei talk in prima o seconda serata? Berlinguer non intratteneva: era un testimone.

"Uomo di leggendaria discrezione, a base anche etnica, «il Sardomuto». Fece effetto la risposta a una giornalista americana che estenuata dai suoi silenzi gli chiese se poteva dirgli «almeno» la sua età:«Credo che rivolgendosi all'ufficio stampa, ella potrà avere una mia biografia comprensiva dei dati anagrafici che desidera conoscere»: senza essere né antipatico né scortese.

"Non si metteva mai avanti come persona. Se proprio doveva farlo, e sempre lo fece con stile e misura, era per via del suo ruolo nel partito. Questo che appare oggi un tratto burocratico e astratto, ha notato Rossana Rossanda, risparmiò al partito «intrighi, vanità e delusioni».

"Detestava le semplificazioni, non faceva pronostici...Era spaventato da un'Italia che, apparendogli sempre più frivola e volgare, gli smuoveva dentro sentimenti prossimi al furore, del genere predicatorio.

"Nelle sue memorie Bice Foà Chiaromonte, moglie di Gerardo e madre di Franca, racconta che, ai tempi dell'accordo per la costruzione di un metanodotto fra la Russia e l'Italia, il segretario sarebbe venuto a sapere di soldi arrivati nelle casse del Pci, al che avrebbe incaricato Chiaromonte di sbrogliare la faccenda restituendo quei soldi: ma il presidente dell'ente pubblico italiano prese l'emissario «non so per pazzo o per scemo»; scusi, gli disse, come faccio ad accettare la restituzione di soldi che per me non sono mai usciti?

"Fumava Turmac, sigarette di tabacco egiziano; una volta si intossicò con dei datteri palestinesi; allungava il whisky; era bravo a giocare a boccette, anche a Mosca si esercitò sul tavola da biliardo nella dacia che il Pcus gli aveva fornito, prima di intervenire al congresso con un discorso che non piacque per niente a Breznev. Il comunismo, spiegò una volta, era un obiettivo, qualcosa che poteva "riempire degnamente una vita".

"Uno dei momenti più emozionanti della sua vita fu quando, ad Hanoi, si sentì chiedere da Ho Chi Minh come stava la Pietà di Michelangelo, martellata qualche mese prima da un ungherese pazzo.

"(nel 1984) Per la prima volta i collaboratori gli avevano affittato un aerotaxi. L'idea non gli era andata per niente a genio, l'aereo costava troppo, 8 milioni di lire, s'era anche impuntato e solo alla fine l'avevano convinto che in quel modo, tra alberghi e spostamenti, il partito avrebbe risparmiato.

"In una celebre intervista televisiva, su quale fosse il lato del carattere a cui teneva di più, rispose: «L'essere rimasto fedele agli ideali della mia giovinezza».

Chiudo con un una «rasoiata» che fa onore a Filippo Ceccarelli. «Nel 2014 Veltroni realizzò un bel film, Quando c'era Berlinguer, da cui veniva anche fuori, tragicamente, che i giovani non sapevano più chi fosse. La prima, all'Auditorium, fu la classica seratona a inviti. Non si capiva bene chi li avesse fatti, se non per celebrare quella che "Dagospia" definisce la "Roma potentona", per la quale s'immagina che Berlinguer non avrebbe avuto grande trasporto. ...quella sera, baciati dai flash, si presentarono al Parco della Musica Luca di Montezemolo, la coppia Fini & Tulliani, il presidente della Confindustria Giorgio Squinzi, Fedele Confalonieri, Gianni e Maddalena Letta, Bruno Vespa, Alessia Marcuzzi, Giovanni Malagò, Cesare Romiti, la graziosa deputata berlusconiana Laura Ravetto, la sorella d'Italia Giorgia Meloni, Aurelio Regina e il presidente della Lazio Claudio Lotito. Cosa avranno mai capito di Berlinguer?".

P.S. - È l'Italia dei «nani e delle ballerine» per dirla educatamente, oppure della «mignottocrazia» per dirla con lo sferzante Paolo Guzzanti. O quella dei presidenti del Consiglio esperti pizzaioli, come abbiamo visto dai giornali di stamani. Ma la gente ride, ride, ride...

Sei qui: Home