Venerdì, 06 22nd

Last updateVen, 22 Giu 2018 1pm

Bassa Via del Garda, 75 km per quelli in "gamba"

Visite: 207
 
 
 

Un non tanto anonimo responsabile stampa e pubblicissime relazioni ha fatto pervenire alla nostra redazione sportiva, altrettanto anonima, le seguenti righe che raccomandiamo di leggere con attenzione.

Sempre affascinante. Dura, impegnativa. Si annuncia così la BVG Trail che si appresta a mettere la... quinta. Quattro edizioni già in archivio, e sembra ieri. Per la numero cinque la macchina organizzativa è in movimento da tempo e per tempo in tutti i Comuni del Parco dell'Alto Garda Bresciano. Sui cui territori si snoda il percorso della Bassa Via del Garda, tracciato escursionistico che si sviluppa fra costa, colline e montagna da Salò a Limone. A ricordo di Roberto Montagnoli, fondatore della Grafo Edizioni. E con questo sono spiegati acronimo e intitolazione, almeno per i neofiti.

Il via alla gara, che prevede tre percorsi di diversa lunghezza, è ormai alle porte. Il 7 aprile, giornata di sabato riservata alla manifestazione di trail che richiama appassionati da tutta Europa e oltre, si avvicina a grandi passi. Le iscrizioni hanno al momento superato quota 500. Con presenza maggioritaria di atleti italiani, ma con significative partecipazioni in arrivo da Germania, Francia e Inghilterra. Nutrita, secondo tradizione, la pattuglia ungherese sempre presente in forze.
Il Comitato organizzatore, presieduto dal gargnanese Franco Ghitti, ha portato a termine incontri e riunioni finalizzati a mettere a punto l'apparato logistico necessario per lo svolgimento della giornata in sicurezza e con il necessario supporto agli atleti sotto il profilo dell'assistenza lungo il percorso e dell'indicazione del tracciato. Saranno circa 350 i volontari in campo per la giornata, in rappresentanza e per conto di numerose associazioni del territorio gardesano. Presenze preziose, imprescindibili quanto solidali.

L'obbiettivo – sottolinea Franco Ghitti – è di continuare l’operazione di promozione sportiva attraverso cui far conoscere il nostro territorio. Riportare l’attenzione al lago ed all’entroterra. Alla natura, alla storia, ai tesori dell’arte. Un momento in cui, piace osservare, è possibile trovare unità d'intenti e capacità didialogo. Questo mi sento di poter affermare dopo gli incontri delle settimane scorse”. Durante i quali sono state riscontrate maggiori sensibilità e attenzione da parte delle Amministrazioni comunali. Segnali più che positivi per il Comitato organizzatore. Che è composto da Trail Running Brescia, Gs Montegargnano e Gruppo “La Variante” di Gargnano.

Agli atleti – che secondo previsione saranno circa 700 – è proposto un ventaglio di tre possibilità di percorso secondo formule rodate nelle precedenti edizioni. Con qualche piccola variazione “sul tema” in quanto a tragitti e sviluppi altimetrici che gli organizzatori tengono riservate. Sorprese che non saranno più tali quando la BVG Trail verrà presentata ufficialmente. Appuntamento in programma giovedì 29 marzo, alle 11.30, al punto vendita Sportland di Villanuova, nel Complesso commerciale Italmark, in via Zanardelli.

Questo, intanto, il programma per il 7 aprile. Alle scoccare delle 7, a Salò, davanti al Palazzo dei Provveditori, sede del Municipio, prenderà il via la BVG Trail sulla lunga distanza. In tutto 75 chilometri con arrivo al campo sportivo di Limone, dislivello positivo prossimo ai 5mila metri. Sempre da Salò, alle 8, partenza per gli atleti della BVG Run: in tutto 25 chilometri (D+1100) e arrivo alla Piazzetta di Bogliaco. In mezzo c'è la Bvg Marathon+, con partenza da Bogliaco e arrivo a Limone. Il percorso è di 50 chilometri, dislivello positivo prossimo ai 4mila metri. Le iscrizioni sono ancora aperte. Per i dettagli consultare il sito Internet dell'evento: www.bvgtrail.it. Per la quinta tutto pronto. Con l’auspicio che la BVG Trail porti la primavera tanto attesa e per ora un po' latitante.

Ma quale Burian...noi abbiamo il Pelèr (2)

Visite: 138

Fra le tante stupidaggini che tiro fuori, mi è venuto anche questo accostamento fra 'sto Burian divenuto improvvisamente famoso fin nelle più sperdute località italiche (vedi Roma formato Emmentaler DOP , tanto per dirne una) e il benacense vento Pelér, quello che spiffera da Nord insinuandosi nella valle del Sarca. La cosa ha fatto ridere i miei utenti iberici che mi hanno girato un video che ha suscitato migliaia di sghignazzi dopo che ha fatto il tour dei telefonini di quel Paese: una voce, con inconfondibile cadenza sevilliana, se la prende con il freddo che era arrivato anche nel Sud dove, di regola, le temperature sono miti e gradevoli anche in inverno. In sostanza dice la "voce": tenetevelo il vostro freddo noi qui abbiamo sempre caldo e non ci va di cambiare abitudini. Noi, del Garda, diciamo più o meno lo stesso: tenetevelo in Siberia il vostro Burian, che se lo goda lo Zar Putin, appena rieletto per la quarta volta. Noi vogliamo bere il nostro "pirlo" - versione locale del celebratissimo spritz - senza morire di freddo.

Se volete farvi una risata, aprite il video che trovate qui sotto. È in spagnolo, forse perdete qualche sfumatura, ma si capisce facilmente.

Ma quale Burian e Burian...noi abbiamo il Pelèr

Visite: 115


Ricevo dall'Ufficio Pr del Circolo Vela Gargnano www.centomiglia.it:

Domenica prossima andrà in scena sul Garda  il 4Oesimo "Trofeo Roberto Bianchi", prima stagionale per le classi monotipo (Asso, Protagonist, Dolphin, Melges) ed i cabinati stazza Orc. Sarà una "mini" long dstance sulla rotta Bogliaco di Gargnano-Forbisicle di Tignale-Gargnano. L' organizzazione vede ,a fianco del Club Vela di  Gargnano, il Club dei Diavoli Rossi di Desenzano. Per Gargnano è l'ennesima collaborazione che vanta anche quelle con lo Yacht Club Cortina, Univela Campione, L'Accademy Play Sport di Bergamo, il Circolo Vela Toscolano Maderno.
Per la flotta dei Protagonist 7.5 sarà una delle 5 tappe del circuito “Long Distance 2018". Le altre saranno la nuova "Regata delle Isole" (7-8 luglio) a Brenzone, il 52esimo "Trofeo Riccardo Gorla" (2 settembre), la classicissima 68esima "Centomiglia del Garda" (8-9 settembre), terminando il 14 ottobre alla Salò-Gargnano con la "Regata dell’ Odio". Lo stesso sarà per la classe Asso 99, mentre per i Dolphin ci sarà la flotta della versione "Mr" della scuola di casa. 
 
COSI' LO SCORSO ANNO

Il 39esimo "Trofeo Roberto Bianchi" si corse a luglio (per il rinvio causato dalla bonaccia di marzo) sulla rotta Gargnano-Campione-Gargnano. La classe Protagonist 7.5 vide il successo del "Yerba del Diablo" di Andrea Barzaghi (Canottieri Garda), che mise in fila "Ombra del vento" di Luciano Galloni (CV Gargnano), condotto da un gruppo di ragazzi comandati da Luciano Andreoli e Vittorio Gallinaro, terzo "Nexis2" del veronese Luca Brighenti di Brenzone. L’Asso 99 andò al veronese Albino Fravezzi (CN Brenzone), pluricampione con le classi olimpiche di Finn e Star. Fravezzi era a bordo di  "Sconquasso" che mise in scia gli altri veronesi Ivano Brighenti di "Assatanato-Vetrocar" e il "Diavolasso" di Andrea Farina, quarto "Aron-Confusione" con l'armatrice Elena Reboldi e lo skipper Oscar Tonoli (Dielleffe Desenzano).

LA VELA PROMUOVE L’IMMAGINE DEL GARDA AD "INTERLAKE" (Coppa del mondo dei laghi)

Il "Trofeo Bianchi" apre la stagione delle regate dei monotipi. Come lo scorso anno le regate internazionali dei Laghi saranno quelle del "Bold d’Or Mirabaud" del lago di Ginevra e del "Kèkszalag" del lago Balaton. Il clou del circuito “Interlake 2018” si avrà in occasione della 68esima "Centomiglia" dell'8-9 settembre sul Garda con la presenza degli equipaggi che rappresentano tutti i  laghi d’Europa. Gargnano è stato impegnato la scorsa settimana con la co-organizzazione di Univela-Campione per l'Interzonale dell'Optimist con 179 Under 15 al via. Nella settimana di Pasqua proporrà il suo "Easter Meeting", la terza edizione del "Trofeo Centrale del latte£ di Brescia, gara riservata alle derive giovanili in doppio del Feva e dell'Rs 500.

XTERRA ha scoperto Toscolano Maderno

Visite: 155
 

Facendo le pulci al titolo, devo dire che prima di XTERRA c'era arrivato il console romano Marcus Nonius Macrinus, che godette della fiducia dell'imperatore Marco Aurelio, mica uno qualunque, che regalò al suo generale una bella villa fronte lago di Garda. Ricevo dagli amici di Toscolano Maderno, dove regna il sindaco Delia Castellini (nomen omen), queste righe che annunciano una bella iniziativa sportiva che vi segnalo, soprattutto a coloro che nuotano, corrono e vanno per scoscesi sentieri montani. Garantiti panorami mozzafiato. il pot-pourri di foto che pubblico qui sopra già da sole la dicono lunga. Sportivi ma anche sedentari parzialmente attivi possono scoprire l'entroterra toscomadernese senza farsi scoppiare il cuore. 

Ho trovato il posto perfetto per realizzare un grandioso XTERRA” queste le parole che Nico Lebrun, il direttore di Xterra Europe, ha affidato al messaggio recapitato agli organizzatori e all’Amministrazione comunale di Toscolano Maderno subito dopo il sopralluogo effettuato nei giorni scorsi per testare il percorso. Per Lebrun, atleta francese professionista di Triathlon e campione del mondo Xterra nel 2005, a Toscolano Maderno ci sono tutte le condizioni per proporre agli appassionati della disciplina un percorso molto tecnico e quindi particolarmente competitivo. In più la particolarità del Lago di Garda di trovarsi in “un punto strategico vicino all’Austria, Germania, Slovenia, Croazia e Francia” ha favorito un’ampia partecipazione di atleti stranieri. Al momento di scrivere sono circa 500 complessivamente gli iscritti.

L’XTERRA Lake Garda si terrà il prossimo 27 maggio nel territorio di Toscolano Maderno e prevede due tipologie di gara. La "Full" con 1,5 Km di nuoto, 34 km in bicicletta e 11 di corsa e la versione "Sprint" con percorso di  0,75 km di nuoto, 17 km bicicletta e 6 km di corsa.

L’edizione di Toscolano Maderno si inserisce nel nutrito programma europeo che conta 17 appuntamenti a partire dal 15 aprile con l’XTERRA Malta, e chiudere, il 16 settembre, con l’XTERRA Spain. Il 18 agosto a Zittau, l’XTERRA Germany sarà dedicato alla prova che assegnerà il titolo di European Championship. A differenza degli altri paesi in Italia vi saranno ben due prove a dimostrazione del notevole interesse che la disciplina sta riscuotendo qui da noi; quindi oltre alla prova del al 27 maggio l’XTERRA approderà anche il 22 luglio a Scanno, in Abruzzo.

 


I Rozzini Brothers e i loro gioielli a due ruote

Visite: 144

Erminio Rozzini e suo fratello Franco hanno da sempre, forse da quando sono nati, la passione per le motociclette antiche, antiche-antiche per davvero, alcuni pezzi sono dei primi anni del Novecento, o addirittura di qualche anno prima. In questa occasione non vi parlerò della loro collezione ma solamente vi mostro un video girato in occasione di una esposizione richiesta e allestita dal Museo della Mille Miglia, che ha prestigiosa dimora alle porte di Brescia, nel borgo di Sant'Eufemia. Credo che tanti? molti? pochi? - intendo fuori dai confini bresciani - sappiano cosa è stata questa corsa su e giù per l'Italia, nata nel 1927 per fantasia e volontà di alcuni blasonati e lungimiranti appassionati di motori. Dire 1000Miglia (altro modo di scriverne il nome) è come dire mito dei motori.

Mi fa dunque particolarmente piacere che Erminio e Franco abbiano avuto questa richiesta dal Museo e abbiano esposto i loro "gioielli" a due ruote. Godetevi il video qui sotto.

Sei qui: Home