Martedì, 07 16th

Last updateVen, 12 Lug 2019 11pm

1945 - Il mossiere torna a sparare i suoi colpi, stavolta a salve

SPORT Atletica leggera, e non solo 
AUTORE Augusto Frasca, Roberto L. Quercetani, Sergio Giuntini, Alberto Zanetti Lorenzetti, Marco Martini
EDITORE Archivio Storico dell'Atletica Italiana "Bruno Bonomelli" - Finito di stampare nel mese di marzo 2018 nella Tipografia F.Apollonio & C. - Brescia
CONTENUTO Il titolo è ispirato ad una frase che Gianni Brera scrisse in suo articolo in quell'anno. 1945, ritorna l'atletica nel nostro martoriato Paese. Così scrivon tutti, ma, in verità, il nostro sport non si era mai fermato, ridotto, questo è riscontrabile palesemente, ma mai fermato. Pensate solo alla corsa campestre dei "Cinque Mulini" a San Vittore Olona: non ha mai sospeso una edizione neppure in quegli anni di follia nazifascista. Nel 1945 si fa qualcosa di più, si cerca di ristabilire faticosamente una normalità che, nei fatti, non esisteva con un Paese martoriato da troppe penose divisioni. L'Italia era tagliata in due, era urgente ricucirla. Gli uomini e le donne dell'atletica si misero al lavoro, e in breve ristabilirono la funzionalità degli organismi, la regolarità delle competizioni, pur fra le mille difficoltà, soprattutto nei trasporti. C'era un Nord e un Sud (come oggi del resto...), ma verso la fine di quell'anno si ricompattò una parvenza di unità nazionale, che si completò l'anno successivo.

Come fu quell'anno lo raccontano Augusto Frasca, Roberto L. Quercetani, Sergio Giuntini, Alberto Zanetti Lorenzetti e Marco Martini, che destino ha voluto non vedesse il libro stampato. Marco aveva scavato l'atletica italiana dalle origini fino a quell'anno, che lui considerava uno spartiacque. Così come il 1960 il capolinea dei Giochi Olimpici come li intendono alcuni di noi, diversi dal caleidoscopio di affarismo, ruberie, megalomanie sempre più evidenti. Il libro (72 pagine) si apre con un ricordo affettuoso e commovente cesellato da Augusto Frasca, e preceduto da una poesia di Giuseppe Ungaretti.

Ed è sempre Frasca, come negli otto volumi precedenti, che introduce il mondo culturale, sociale, politico, artistico. Roberto Quercetani ci racconta l'atletica degli altri Paesi in quell'anno, che ebbe protagonisti i grandi corridori nordici e il nostro Adolfo Consolini, che mise insieme i migliori dieci risultati della stagione e continuava ad essere detentore del record mondiale. Lo storico Sergio Giuntini ha dedicato il suo lavoro al "1945 di Gianni Brera", dalla partecipazione alla lotta partigiana in Val d'Ossola fino alla chiamata di Bruno Roghi alla "Gazzetta dello Sport", passando attraverso la rinuncia ad entrare a "L'Unità". L'atletica guadagnò uno scriba rimasto insuperato.

Segue un corposo capitolo curato da Alberto Zanetti Lorenzetti sullo sport della Venezia Giulia, argomento di cui è conoscitore indiscusso. I vari Campionati al Nord e al Sud, i risulti, i commenti, sono stati fra le ultime fatiche dell'instancabile ricercatore Marco Martini. In tutti i capitoli una ricchezza di foto d'epoca che ha un grande fascino.

UNA FRASE  
ACQUISIZIONE in quanto socio dell'Archivio Storico dell'Atletica Italiana "Bruno Bonomelli".
ANNOTAZIONI Il libro può essere richesto alla A.S.A.I. (si veda nel sito alla voce "Benvenuti in ASAI") con un versamento a favore della stessa come quota sociale nell'ordine di 25 Euro, indicando chiaramente l'indirizzo del richiedente e la causale "Libro 1945". Informiamo anche che sono ancora disponibili copie degli otto volumi precedenti.

 

Sei qui: Home Cartastorie 1945 - Il mossiere torna a sparare i suoi colpi, stavolta a salve