Venerdì, 12 14th

Last updateMer, 12 Dic 2018 4pm

Dordoni, un uomo solo al comando

SPORT Atletica leggera 
AUTORE Piergiorgio Andreotti, Augusto Frasca, Flavio Salvarezza
EDITORE Edizione fuori commercio, stampata in Roma nel settembre 2002 
CONTENUTO Attraverso scritti degli autori, Frasca in particolare, e di giornalisti e amici richiesti per l'occasione, oppure testi ripresi da giornali d'epoca, si ripercorre la luminosa carriera di Giuseppe «Pino» Dordoni, un cammino - è approppriato il sostantivo - durato dal 1941 al 1961.  Due scritti della moglie Graziella e della figlia Isabella sono sigillo di sentimenti a questo lavoro celebrativo. Molto materiale riproduce le pagine dei giornali e gli articoli, centinaia. 

Il titolo del bel libro trae ispirazione da un ritaglio che  si interrogava così "Dordoni, il Coppi della marcia?". Immediato l'accostamento con la frase con cui  il giornalista Mario Ferretti aprì la radiocronaca della tappa Cuneo - Pinerolo del Giro d'Italia 1949  , frase che ha fatto epoca: "Un uomo solo è al comando; la sua maglia è bianco-celeste; il suo nome è Fausto Coppi". Quel giorno egli fu protagonista di una epica fuga solitaria di 192 chilometri e arrivò sul traguardo di Pinerolo con 12 minuti di vantaggio.

UNA FRASE  
ACQUISIZIONE In "Collezione" ne ho un paio di copie provenienti da fonti diverse. Mi pare che una venga dagli «scarti» di un ex collega della I.A.A.F che doveva fare pulizia nei suoi armadi...regalare libri di atletica in certi ambienti è come dare caviale ai maiali!
ANNOTAZIONI Solo una. La parte finale, curata da Piergiorgio Andreotti, ripercorre minuziosamente la carriera di Pino, gara per gara. Desidero ricordare che questo stesso materiale apparve per la prima volta nel maggio 1969 nelle pagine del libro di Claudio Enrico Baldini "Storia dell'atletica piacentina" (pagg. 371 - 383), giustamente ricordato da Frasca come "la documentazione più appassionata ed affidabile".

 

 

Sei qui: Home Cartastorie Dordoni, un uomo solo al comando