Lunedì, 07 06th

Last updateLun, 06 Lug 2020 10am

Marciando nel nome d'Italia

SPORT Atletica leggera
AUTORE Ugo Frigerio
EDITORE Ufficio Tecnico Editoriale Pubblicitario - Milano, via Broletto, 20 - Stampatore: Tipografia Olinto Suppi, Milano, via G. Govone, 48
CONTENUTO La sua vita, soprattutto quella sportiva, raccontata da lui, il tre volte campione olimpico nelle edizioni del 1920 (due ori) e del 1924, oltre a un bronzo nel 1932 nella 50 km. Ricco di aneddoti, di cronaca diretta delle gare olimpiche e non, cronache che talvolta servono a chiarire narrazioni postume non sempre esatte, credo che non molti abbiamo letto davvero il libro di Frigerio, limitandosi a citarlo per sentito dire. Ricco, anzi ricchissimo di iperboli nel linguaggio tipico dell'Era «Fazista», con la benedizione del cav. Benito Mussolini che firma la prefazione con uno svolazzante «Mussolini, Roma 4 giugno 1933». È un pezzo di storia della marcia italiana che tante gioie ha dato in sede olimpica, e non solo, alla nostra atletica. Una testimonianza diretta, da cui non si può prescindere.
UNA FRASE Leggete il maestro di Predappio che del libro scrive:"Nelle sue narrazioni vibra la fierezza dell'Italiano e del Fascista, che marciava, com'egli stesso dice, nel «nome dell'Italia». Marciare, camminare non è forse l'espressione più netta del dinamismo fascista? Mi è caro prefazionare con queste poche linee il libro del camerata Frigerio. Egli, carico d'allori degnamente meritati, non si è insuperbito. È rimasto il Frigerio che io conobbi, figlio di popolo, in uno dei più popolari quartieri di Milano, nei tempi di dura lotta per la Rivoluzione». Ed eccolo lì il «popolo» che sta tanto a cuore dei dittatori o degli aspiranti tali. Parola da antiquariato moderno...o da modernariato antico?
ACQUISIZIONE Acquistato da Giuseppe Chiappini, antiquario di libri in Villafranca in Lunigiana
ANNOTAZIONI Una ricca dotazione di fotografie quasi del tutto sconosciute arricchisce il testo (270 pagine)
Sei qui: Home Cartastorie Marciando nel nome d'Italia