Domenica, 03 07th

Last updateMar, 02 Mar 2021 12pm

Cosa ci aspetta? Saranno più luci o più ombre?

Questa l'opera di Martino Gerevini che ci accompagnerà lungo i 28 giorni di questo mese di febbraio che, giusto un anno fa, segnò l'inizio e la crescita di un inatteso e subdolo attacco infettivo che ci ha duramente puniti - tutti - nei mesi passati. E, purtroppo, grazie anche alla stupidità e irresponsabilità di tanti, troppi, ci punirà ancora per parecchio tempo: e il virus, purtroppo, è più forte degli stupidi e delle happy hours. Questa opera, che fa parte del calendario ideato e realizzato in memoria del grafico e artista che fu mio insostituibile amico, ha un titolo evocativo dei dubbi che stringono la nostra esistenza in questa situazione e, talvolta, ci fanno mancare il respiro: luci e ombre. E allora, banalmente, vien fatto di chiedersi: saranno più ombre o più luci? Mah...e in più Martino aggiunse per completare il titolo il numerale 13, che normalmente, nei superstiziosi, è abbinato alla sfortuna, contrariamente all'opinione di quanti, erroneamente, pensano l'esatto contrario. Non pecchiamo di pessimismo ma non indulgiamo in facili ottimismi. Armiamoci di pazienza e facciamo nostra la filosofia di Edoardo De Filippo nella piece teatrale «Napoli milionaria», era il 1945: «Ha da passà 'a nuttata». E nella notte cerchiamo di cogliere le luci ispirate ai colori di Martino.

La nostra opera - Titolo: Luci e ombre n.13 - Anno: 1995 - Acrilico su tela - Formato: cm 100x100 - Collezione privata


 

Sei qui: Home Cosa ci aspetta? Saranno più luci o più ombre?