Venerdì, 04 23rd

Last updateMar, 20 Apr 2021 3pm

Il saggio è quadrato senz'angoli...

"...angolo senza punta, dritto ma flessibile, splendente senza abbagliare". La massima è attribuita a Lao-Tze, trascritto anche Lao Tzu, Lao Tse, Lao Tze o Lao Tzi, oppure unito Laozi. Fu un filosofo cinese del VI Secolo a.C., viene unanimemente (quasi) considerato il fondatore del Taoismo, una delle cinque «religioni dottrinali» riconosciute dal Governo cinese. Il nome Laozi ha il significato di vecchio, venerabile, e come tale fu venerato «Supremo Signore» per la sua autorevolezza religiosa. Alcune interpretazioni, non tutti coloro che si sono occupati di lui concordano, narrano che lasciò la Cina e viaggiò a India, dove divenne maestro di Buddha. Una summa della saggezza taoista è contenuta nel «Tao Te Ching», libro di cinquemila parole, fonte ideale per orientare l'esistenza umana. In cinese Tao (o Dao) significa «via, cammino».

Ma non voglio farvi la storia del noun (signore) Laozi, ma brevemente ricordare un altro uomo saggio che, questo sì l'ho conosciuto di persona pirsonalmente (Catarella dixit). Egli fu il mio amico Martino Gerevini che sapeva usare le parole e i sentimenti ma, in più, aveva il dono di plasmare i colori e le forme. Ecco, la forma. Il quadro che oggi offro allo sguardo dei frequentatori di questo spazio fa parte di una delle prime ricerche artistiche di Martino, forse addirittura la prima, eravamo a metà degli anni '70: quella sul quadrato. Forma euclidea perfetta, che in Martino rifletteva all'esterno, verso gli altri, la sua forma interiore. Ha scritto di lui quel grande designer e artista che è stato Bruno Munari:

"Le sue opere non sono una stilizzazione di un mondo esteriore, ma sono la visualizzazione di sensazioni nel proprio mondo plurisensoriale. Non sono quindi “riproduzioni” di qualcosa che già si conosce (per cui, di solito, il pubblico si domanda: che cosa vuol dire?), ma sono da guardare come quando si ascolta una musica. Capire attraverso i sensi invece che con domande e risposte. Nessuno ormai si chiede, dopo aver ascoltato una musica: che cosa voleva dire?".

Non mi stancherò mai di ripetere che sono stato fortunato a conoscere Martino Gerevini, un saggio quadrato senza angoli.

La nostra opera - Titolo: Modulazione spaziale n.16 - Anno: 1976 - Acrilico su tela - Formato: cm 60x60 - Collezione privata


Sei qui: Home Il saggio è quadrato senz'angoli...