Mercoledì, 08 04th

Last updateLun, 02 Ago 2021 12am

La felicità per Mariam è una cintura marrone

Mariam ha fatto un altro passo verso il Takamagahara, l'alta pianura celeste, un posto che sta nel cielo, una specie di paradiso per i nostri credenti. Lì potrebbero stare (immagino io, pura fantasia) tutti i più celebrati interpreti delle arti marziali. Mariam il cielo lo ha toccato davvero con tutta la mano quando il suo Maestro, Gianpiero Antonucci, le ha consegnato, qualche giorno fa, la cintura marrone, simbolo del completamento del primo percorso di apprendimento del karate-dō, l'arte marziale originaria dell'Isola di Okinawa. Adesso per la minuta graziosa signorinetta, figlia dei miei amici Fadoua e Gino, inizierà il lungo e difficile cammino, fatto di esami ma anche di meriti acquisiti in competizione, della scala delle cinture nere, simbolo dell'eccellenza. Il primo grado (dan, che significa anche uomo) di cintura nera prende nome «Kuro obi Shodan».

Ho deciso di rispolverare per Mariam e solo per lei il logo (copyright Roberto Scolari) di un sogno mai nato, o meglio nato ma subito morto, vista la pochezza, la miseria culturale, di un ambiente sportivo in totale confusione di significati e ideali. Ma quando vedo il limpido sorriso, la compostezza, i gesti misurati di Mariam, mi vien da pensare che un sogno olimpico sia ancora possibile. Non certo quello che interessi di bottega stanno spingendo per una edizione assurda da qui a un mese. Io, il mio sogno personale ce l'ho, ma ho bisogno della robusta collaborazione del buon Dio. Nel 2028 i Giochi Olimpici ritorneranno per la terza volta nella Città degli Angeli, Los Angeles. Nel 1932 non c'ero, invece iniziai il mio percorso olimpico nel 1984, un percorso fatto di dieci tappe, otto Giochi dei grandi e le prime due edizioni dei Giochi dei bambini. Vorrei chiudere il ciclo a Los Angels 2028 e in quella occasione vedere competere sul tatami del torneo di karate-dō una signorina di nome Mariam, figlia di Fadoua e di Gino.

Sei qui: Home La felicità per Mariam è una cintura marrone