Lunedì, 12 06th

Last updateLun, 22 Nov 2021 3pm

UltraKMarathon 50km - La lunga corsa intorno al Monte Canate

SPORT Atletica, podismo 
AUTORE Gian Carlo Chittolini 
EDITORE Presumibilmente sempre lo stesso visto che non c'è altra indicazione
CONTENUTO Libro quasi completamente fotografico, anzi, toglierei il quasi. Testi pochi, ringraziamenti molti. Tutto l'abbondante e pregevole materiale fotografico è finalizzato alla valorizzzione, e quindi promozione, di questa corsa podistica che ha un habitat molto affascinante: l'Appennino a cavaliere fra le province di Parma e di Piacenza, terre di vini generosi, profumati insaccati, paste fatte in case insaporite da ricchi ragù o da calorici riccioli di burro, e rese sublimi dal profumo di quel Parmigiano unico al mondo col suo gemello Reggiano. Il tutto «condito» dalla serena bellezza delle terre circostanti, fatte a mo' di montagne russe, un po' più dolci, curve sinuose, quasi lascive. Appennini non Alpi. E la corsa? Beh, la facciano gli altri, cui plaudo con tutta la mia convinzione. Il libro trasuda entusiasmo, e entusiasmo vuol trasmettere. Il mio augurio a «Spino» Chittolini è che colga nel segno. Se dico che «Spino» è il nome con cui è conosciuto a Salsomaggiore e dintorni, ci sta. Se mi metto a spiegare cosa ha fatto Gian Carlo Chittolini in atletica gli faccio un torto. Scordavo: non mancano pagine, scritti, foto autocelebrativi...ma è umanissimo.
UNA FRASE  
ACQUISIZIONE Omaggio dell'autore, con dedica
ANNOTAZIONI Una, del tutto personale. Nel lungo elenco di fotografi coinvolti in questa «chittolinata» ho beccato un nome che mi obbliga ad aprire il libro della memoria, la mia. Daniele Romano è figlio di quel Giuseppe che per anni, nel reparto legatoria della Tipografia Apollonio di Brescia, ebbe cura dei miei libri e delle collezioni di riviste e giornali che facevo rilegare, una abitudine che ho sempre avuto per salvaguardare un patrimonio cartaceo dal quale farò fatica a staccarmi, quando sarà ora. Giuseppe padre, con la sua barba risorgimentale, era attentissimo alle mie indicazioni e educato nel suggerirmi le sue. Poi, il signor Giuseppe ha scelto di abbandonare le rilegature e di dedicarsi alla amorevole cura di una certo numero di olivi che sono a dimora in una frazione del Comune di Gargnano, stessa terra che io ho eletto a mio ultimo (ultimo? e chi lo sa) fortilizio. E, credo, che nella potatura degli ulivi sarà altrettanto meticoloso e amoroso come con le vecchie e acciaccate pagine. Mi parlava, il signor Giuseppe, nei nostri incontri in Apollonio, di quel suo figliolo che era bravo con la macchina fotografica, e mi mostrava alcuni suoi scatti. E ne era orgoglioso. A buon diritto. Adesso, volo dal Monte Canate al Monte di Gargnano, trasportato dalla piacevole brezza del ricordo e di persone ritrovate.
Sei qui: Home Cartastorie UltraKMarathon 50km - La lunga corsa intorno al Monte Canate