Mercoledì, 07 17th

Last updateLun, 12 Set 2022 10am

In questa Sezione pubblico e commento le nuove acquisizioni della “Collezione”, siano esse libri o riviste, ma anche poster, quadri, magliette di atleti, scarpe, numeri di gara, medaglie, francobolli, ecc., materiale che già ora è presente nelle due sale di esposizione (circa 150 metri quadrati, forse qualcosa di più che di meno), situate nell’edificio in via Monsignor Giacomo Tavernini, 35, a Navazzo, località nel Comune di Gargnano, sul lago di Garda. La “Collezione” presenta due nuclei essenziali: i Giochi Olimpici e l’atletica, ma non rifiuta certo anche altri sport, in particolare alcuni che mi hanno sempre entusiasmato, come rugby, ciclismo, tennis, pallacanestro; non manca neppure il calcio. 

Una spiegazione è dovuta. Qualcuno mi ha fatto notare che, talvolta, parlo di libri che non sono novità. Certo. Il motivo è che presento e commento solo i libri che ho davvero letto. Questo vale per le opere, diciamo così “di lettura”. È ovvio che una pubblicazione statistica non la leggo cifra per cifra, ma anche in questi casi sfoglio, conosco i contenuti, cerco di fissarli nella memoria, e questo può sempre tornare utile, soprattutto in caso di ricerca saper dove trovare quello che serve fa risparmiare un sacco di tempo. 

Il prossimo passo determinante sarebbe quello di porre mano ad un catalogo dell’esistente. Me lo ripetono in tanti, come se non lo sapessi da solo, ma dire agli altri quello che dovrebbero fare, e farlo realmente, beh, ce ne corre. Chissà che prima o poi non riesca anche ad iniziarlo. Quanto a finirlo, quien sabe?, dovrebbe darmi un aiuto determinante il buon Dio. Ma non gli ho ancora chiesto se è d’accordo. 

Un ringraziamento che sgorga dal cuore: a tutti quelli che mi hanno dato e continuano a darmi pezzi per la “Collezione”. Quando l’occhio corre sulle pareti e sugli scaffali mi sovvengono nomi, facce, amicizie, affetti, taluni perduti. Sappiate che quello che avete dato a questo angolino della memoria non andrà invece perduto.

 

1941 - 1944 - Il disco volante di Dolfo Consolini parla di pace nei cieli della guerra

Pubblicato 19 Aprile 2016

 


SPORT Atletica leggera 
AUTORE Augusto Frasca, Sergio Giuntini, Marco Martini, Roberto L. Quercetani 
EDITORE Archivio Storico dell'Atletica Italiana Bruno Bonomelli - www.asaibrunobonomelli.it  - Finito di stampare nella Tipografia F. Apollonio & C. di Brescia nel mese di aprile 2016 
CONTENUTO Trattasi dell'ottavo volume della Storia dei campionati italiani di atletica leggera, progetto principale della A.S.A.I.Bruno Bonomelli. La pubblicazione (130 pagine) copre il quadrienno 1941 - 1944, gli anni della Seconda Guerra Mondiale, e nonostante le distruzioni prodotte dal conflitto l'atletica italiana sopravvive. Ai consueti ricchi contributi di Frasca (cultura, arti, scienza, personaggi, del period preso in considerazione)  e di Quercetani (una finistra sull'atletica mondiale) sono affiancate ricerche originalissime di Martini (le atlete afro-americane nella atletica statunitense) e di Giuntini su "La memoria divisa: lo sport, la Repubblica di Salò e la Resistenza", storie di campioni divisi fra fascismo e antifascismo. Accuratissimo, come sempre, il capitolo sui risultati dei Campionati, curato da Martini. Piccola appendice di correzioni ai volumi precedenti. Curatissima la ricerca di foto e documenti. Scritti e immagini racchiusi nella bella copertina di Roberto Scolari, che continua la linea che aveva dato, all'inizio, il mai dimenticato grafico Martino Gerevini.
UNA FRASE  
ACQUISIZIONE Come socio della A.S.A.I. Bruno Bonomelli - Il libro può essere acquistato attraverso il sito www.asaibrunobonomelli.it  (contributo di 35 Euro, comprese spese di spedizione)
ANNOTAZIONI Questo volume è stato dedicato, con commosse parole scritte nella prefazione, alla memoria di Gianni Galeotti, uno dei soci fondatori dell'Archivio Storico. La serie completa di otto volumi 1897 - 1944 della storia dei Campionati italiani di atletica leggera è presente in "Collezione", nella sede di Navazzo di Gargnano, sul lago di Garda.

 

IAAF World Lists 2015: Indoor, Outdoor, U20, U18

Pubblicato 30 Marzo 2016

 


SPORT Atletica leggera 
AUTORE Ottavio Castellini, Carlos Fernández Canet, Paco Ascorbe, Félix Capilla
EDITORE International Association of Athletics Federations (I.A.A.F.), stampatore Multiprint, Principato di Monaco - Finito di stampare 11 marzo 2016
CONTENUTO In 960 pagine sono custodite le liste mondiali approfonditissime per i senior, sia al coperto che all'aperto; inoltre Top 50 per gli U20 (gli ex-junior), Top 30 per gli U18 (gli ex-allievi). Le discipline sono quelle che comportano riconoscimento di primato del mondo nelle regole della I.A.A.F., a parte gli allievi che hanno solo "migliori prestazioni" e non primati mondiali; per loro si è usato il criterio delle gare che fanno parte del programma del loro Campionato mondiale.

La copertina è riservata a Ashton Eaton, grandissimo decathleta, ancora una volta campione mondiale a Beijing 2015, e a Genzebe Dibaba, scesa a filo dei 3:50.00 sui 1500 metri.

UNA FRASE  
ACQUISIZIONE In qualità di co-autore
ANNOTAZIONI Tutte le edizioni stampate (quattordici in totale) sono presenti in "Collezione": 1998-1999-2000-2001-2002-2003-2004-2006-2007-2008-2009-2013-2014-2015.

 

Numéro anniversaire L' Équipe 70 Ans

Pubblicato 10 Marzo 2016

 


SPORT Giornalismo sportivo 
AUTORE La redazione di L'Équipe Magazine 
EDITORE L'Équipe 
CONTENUTO Un album di famiglia, come lo chiamano i redattori, pieno di foto, catalogate per decenni. Lo "speciale" si apre con una originale e godibilissima intervista al grande attore Jean-Paul Belmondo, articolo corredato da stupende foto di Stéphane Lavoué. Botta e risposta giocata sulla simpatia, il sorriso, i ricordi lucidissimi, di un uomo di spettacolo che ha sempre avuto lo sport nel sangue, come praticante e come lettore, de "L'Équipe" ovviamente, sostiene lui fin dagli anni 1946 - 47. Boxeur tifoso di Marcel Cerdan, giocatore di football, ruolo portiere, appassionato di tennis amico di molti grandi tennisti dei suoi anni, potenziale buon pilota, qualità trasmessa poi al figlio Paul che corse qualche prova anche in Formula 1, tifoso di velo, la bicicletta. Dopo la godibile intervista, si attacca con la rievocazione fotografica. Già nella terza pagina ci imbattiamo in una immagine di uno atleta spilungone, ottocentista: si tratta di Marcel Hansenne, un bronzo ai Giochi Olimpici, un bronzo e un argento agli Europei, un primato mondiale sui 1000 metri, titoli francesi, ma soprattutto quest'uomo diventerà il redattore capo proprio del L'Équipe. Lo ritroviamo qualche pagina dopo in una foto ai Giochi di Londra 1948 con Micheline Ostermeyer, due ori nel peso e nel disco, e una splendida carriera come concertista di pianoforte. Potrei continuare così, ma il vero senso di queste 140 pagine è che, per un appassionato di sport, di tutti gli sports, sono un piacere visivo continuo. E allora ci si riconcilia con lo sport, quello che ci ha accompagnato dalla giovinezza alla maturità, e che ci sta rovinando il tramonto, con tutte le sue porcherie, I ripetuti furti, la disonestà. Fuori, fuori tutta questa merda: riprendiamoci lo sport, il nostro sport, abbandoniamo alla deriva gli affaristi, denunciamo i furti e le furbate. Ci vuole una nuova Rivoluzione, all'insegna del motto "Sportivi di tutto il mondo, unitevi". Mi pare di averla già sentita, in versione un po' differente....
UNA FRASE  
ACQUISIZIONE Acquistato in edicola
ANNOTAZIONI L'Équipe nasce nel 1946, il 28 febbraio, continuazione ideale dell'altro famosissimo giornale sportivo francese, L' Auto, che nel 1903 aveva "inventato" il Tour de France, la cui organizzazione passerà poi a L'Équipe. Recentemente (autunno 2015) il quotidiano ha cambiato format prendendo quella dimensione di quei giornaletti che distribuiscono gratis nelle stazioni: proprio non mi ci abituo. Questi formati mi sembra che anticipino la morte dei giornali cartacei. Dio non voglia mai!

 

2015 Annual Combined Events

Pubblicato 05 Marzo 2016

 


SPORT Atletica leggera
AUTORE Hans van Kuijen 
EDITORE Hans van Kuijen 
CONTENUTO Consueto annuario monotematico dedicato alle prove multiple, decatlon e heptatlon. Questa è la 24esima edizione, la prima porta la data 1993. Ho già presentato in questo stesso spazio le edizioni dei due anni precedenti, per cui potrei solo ripetermi per quanto riguarda i contenuti: liste, liste e ancora liste, biografie, risultati. Materiale che ormai si trova ogni giorno in Internet concentrato in un utile volume.

La copertina è riservata, e non poteva essere diversamente, allo statunitense Ashton Eaton, campione olimpico, mondiale outdoor e indoor, primatista del mondo sia all'aperto e al coperto...e un anno intero dedicato ai 400 metri ad ostacoli (48.69).

 
UNA FRASE  
ACQUISIZIONE Nell'ambito del mio lavoro alla Federazione internazionale di atletica 
ANNOTAZIONI Non resta che ripetermi: in "Collezione" sullo scaffale "prove multiple" fanno bella mostra tutte le edizioni di questa pubblicazione.

 

Curiosità, miti, personaggi e statistiche - Atletica 1860-2015: uomini e donne

Pubblicato 05 Marzo 2016

 


SPORT Atletica leggera
AUTORE Roberto L. Quercetani
EDITORE Roberto Vallardi Editore, www.editvallardi.com,  in collaborazione con la Federazione Italiana di Atletica Leggera - Stampato in Italia nel novembre 2015 
CONTENUTO Questo libro è stato pubblicato, ovviamente stesso editore, sotto l'egida della International Athletics Foundation, longa manus economica della Federazione mondiale del nostro sport. Libro del quale ho scritto un certo numero di righe in questo stesso spazio dedicato alle pubblicazioni sportive che entrano nella mia biblioteca. E poichè sono un pelandrone ripubblico pari pari quello che scrissi allora per l'edizione inglese. Sono raccolti in questo volume tutti i "tasselli" che hanno sempre arricchito i precedenti lavori dello storico fiorentino. Tasselli che gli inglesi chiamano "Facts and Figures", a dire fatti e figure, tradotto un po' troppo banalmente. Si tratta  in effetti di risvolti godibilissimi, che possono essere letti separatamente, senza un ordine preciso o temporale ma attirati da un titolino o dal nome del protagonista, o da una statistica. Per chi conosce l'opera omnia di Mastro Roberto da Firenze (ma ce ne sarà qualcuno? forte dubbio...) sa che ne ha fatto uso spesso nei molti libri pubblicati e replicati. Oggi li potete ritrovare tutti insieme. E, aggiunta, oggi anche chi non è imparentato con il signor Bill di Startford-upon-Avon, li può leggere nella lingua ai Alessandro Manzoni. Mica poco.
UNA FRASE  
ACQUISIZIONE Omaggio dell'editore Roberto Vallardi
ANNOTAZIONI Questa nuova pubblicazione va ad aggiungersi, nella "Collezione Ottavio Castellini", agli altri lavori di R. L. Q. tutti (credo...) presenti, anche alcuni in lingue straniere (finlandese, per esempio). 

 

Sei qui: Home Cartastorie