Lunedì, 02 26th

Last updateLun, 12 Set 2022 10am

In questa Sezione pubblico e commento le nuove acquisizioni della “Collezione”, siano esse libri o riviste, ma anche poster, quadri, magliette di atleti, scarpe, numeri di gara, medaglie, francobolli, ecc., materiale che già ora è presente nelle due sale di esposizione (circa 150 metri quadrati, forse qualcosa di più che di meno), situate nell’edificio in via Monsignor Giacomo Tavernini, 35, a Navazzo, località nel Comune di Gargnano, sul lago di Garda. La “Collezione” presenta due nuclei essenziali: i Giochi Olimpici e l’atletica, ma non rifiuta certo anche altri sport, in particolare alcuni che mi hanno sempre entusiasmato, come rugby, ciclismo, tennis, pallacanestro; non manca neppure il calcio. 

Una spiegazione è dovuta. Qualcuno mi ha fatto notare che, talvolta, parlo di libri che non sono novità. Certo. Il motivo è che presento e commento solo i libri che ho davvero letto. Questo vale per le opere, diciamo così “di lettura”. È ovvio che una pubblicazione statistica non la leggo cifra per cifra, ma anche in questi casi sfoglio, conosco i contenuti, cerco di fissarli nella memoria, e questo può sempre tornare utile, soprattutto in caso di ricerca saper dove trovare quello che serve fa risparmiare un sacco di tempo. 

Il prossimo passo determinante sarebbe quello di porre mano ad un catalogo dell’esistente. Me lo ripetono in tanti, come se non lo sapessi da solo, ma dire agli altri quello che dovrebbero fare, e farlo realmente, beh, ce ne corre. Chissà che prima o poi non riesca anche ad iniziarlo. Quanto a finirlo, quien sabe?, dovrebbe darmi un aiuto determinante il buon Dio. Ma non gli ho ancora chiesto se è d’accordo. 

Un ringraziamento che sgorga dal cuore: a tutti quelli che mi hanno dato e continuano a darmi pezzi per la “Collezione”. Quando l’occhio corre sulle pareti e sugli scaffali mi sovvengono nomi, facce, amicizie, affetti, taluni perduti. Sappiate che quello che avete dato a questo angolino della memoria non andrà invece perduto.

 

Nomi numeri e ricordi di tanti anni di atletica in Liguria

Pubblicato 27 Settembre 2013


SPORT Atletica leggera
AUTORE Edoardo Giorello & Angela Cartesegna 
EDITORE In proprio, finito di stampare in Genova, nel gennaio 2013
CONTENUTO Compilazioni "classiche" dell'atletica: progressione dei primati, graduatorie, albi d'oro. Il tutto raccordato con storie e storielle, e con tante belle foto d'epoca. E vi ritrovate fra le mani il ritratto fra storia e modernità dell'atletica in Liguria. Un ritratto che ha molti angoli prospettici: l'atletica su un anello chiamato pista, oppure lo stesso ma sotto un tetto, e Dio sa come l'atletica italiana in pista coperta debba tanto, ma proprio tanto, a Genova e al suo Palasport della Foce. Piste? Mitiche: il "Carlini", "Villa Gentile". Strada, maratona, cross, marcia, montagna, ultra (senza la esse finale che determina un'altra categoria, quella degli stupidi e talvolta dei delinquenti). E delle società sportive liguri che mi dite? La Fratellanza Ginnastica Savonese, la Raffaele Rubattino, il Trionfo Genovese, la Maurina Imperia, la S.S. Trionfo Ligure. Alcune, certo, lo so che ce ne sono tante altre, che varrebbe la pena citare! Senza l'aggiunta dei marchi di merendine, supermercati, salumifici, e quant'altro. I nomi degli atleti liguri? Uno, sì uno solo, forse il più grande di tutti in Italia non solo in Liguria, secondo l'autorevole opinione del mio amico prof.Marco Martini: Emilio Lunghi, e non aggiungo altro. La Liguria ne ha dati tanti altri, ha prodotto in passato, e produce, pur nei tormenti del tempo presente, ancor oggi. Ma Lunghi, un'altra storia! C'è tanto, forse non tutto, in questo lavoro di Edoardo e di Angela, io non lo so, ma so che sono contento di farlo entrare nella mia "Collezione", vicino ad altri lavori di Edoardo e in attesa del prossimo.
UNA FRASE "L'atletica è un gioco ma bisogna giocarlo seriamente
ACQUISIZIONE Scambio di pubblicazioni con gli autori. Il costo del libro è di 20 Euro, spedizione compresa. Informazioni da Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
ANNOTAZIONI Chi è stato, chi è, non chiedetemi anche di dire chi sarà, Edoardo Giorello, ve lo faccio raccontare da Guido Alessandrini, del quale mi basta dire "un mio amico". Racconta dunque Guido, genovese pure lui, che notato da un professore di ginnastica per la sua notevole stazza fu spedito al "Carlini" con questa indicazione "Vai da quello con la barba". Quello con la barba era Edoardo Giorello, il professor Giorello. Eravamo, scrive Guido, agli inizi degli Anni '70. Il resto leggetelo, se volete, nelle pagine 142 e 143. Siamo nel 2013, se il professor Giorello scrive un libro sull'atletica ligure, a voi sembra un caso?

 

WELTREKORDE UND WELTREKORDLERINNEN: Mehrkampf, 5-Kampf, 7-Kampf Frauen

Pubblicato 20 Settembre 2013


SPORT Atletica leggera 
AUTORE Manfred Holzhausen
EDITORE Manfred Holzhausen, Grevenbroich (Germania)
CONTENUTO Questo decimo volume del lavoro di ricostruzione dei primati mondiali femminili è interamente dedicato alle prove multiple: pentatlon (fino al 1980) e eptatlon  (a partire dal 1981, con il riconoscimento, a fine stagione, del primo primato del mondo). Lavoro accuratissimo, come i precedenti: ricostruzione dei primati, ma anche delle carriere delle atlete primatiste, foto spesso relative alla gara record. Peccato che tutto questo bel materiale sia prodotto in copisteria: simile lavoro meriterebbe un bel volume stampato, magari in sostituzione di "testi sacri"  che si riproducono da venti e più anni, sempre i soliti con piccole aggiunte tanto da giustificare il compenso agli autori...Il testo è in tedesco. Comunque, a parte questa "barriera" per chi non conosce la lingua di Goethe, sono dieci volumi preziosissimi per la conoscenza della progressione dei primati del mondo, un accurato strumento di consultazione.
 UNA FRASE  
ACQUISIZIONE Acquisto Euro 14 (comprese spese postali), direttamente dall'autore. Chi fosse interessato può contattarlo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
ANNOTAZIONI Più che annotazioni, ricordi, accompagnati dal compiacimento di poter dire:"Io c'ero". Sfogliando le pagine del testo di Holzhausen, mi suona nelle orecchie un "Mi ritorni in mente...", come la canzone di Lucio Battisti. Mi ritornano in mente le gare di eptatlon di Jacqueline "Jackie" Joyner-Kersee cui ho avuto la fortuna di assistere. Los Angeles 1984, fu la mia prima Olimpiade, in quel grande stadio pieno di storia e di gloria, il Coliseum. Jackie aveva 22 anni, prese la medaglia d'argento, dovette lasciare quella d'oro alla australiana Glynis Nunn per 5 punti con la tabella di allora (24 con il ricalcolo con quella nuova del 1985). Poi vennero i Campionati del mondo a Roma nel 1987: prima, con un margine di 564 punti sulla seconda. Fra la California e il Lazio due primati del mondo in meno di un mese, nel 1986: 7148 e 7158, più un altro 7128 a Roma. Altri due primati nel 1988, il primo in luglio alle Selezioni americane per i Giochi Olimpici (7215). In questi ultimi tre eventi la mia presenza, diciamo così, non fu indispensabile. Invece c'ero, e non persi neppure un batter di ciglia di quello straordinario capolavoro che fu la gara olimpica di Seoul: 7291 punti, ancor oggi primato del mondo. La signora Kersee è proprietaria delle prime sei prestazioni del mondo, a distanza di 259 punti la osserva ancora la tanto decantata svedese Carolina Klüft. In Korea il suo margine sulla seconda fu di 394 punti; ai Giochi di Londra 2012, Jessica Ennis vinse con un magine di 306. Provate un po' a far di conto comparando la Jackie di Seoul 1988 e la brava Melnichenko di Mosca 2013: fra le due ci stanno 705 punti. Per quanto mi riguarda, sono stato testimone di altri appuntamenti fra la signora Jackie e la signorina Niké: Giochi Olimpici Barcelona 1992, Campionati del mondo Stuttgart 1993. Per parlare solo di eptatlon, e non di salto in lungo.

 

"The Queen of Sports" at Universiades (1959-2011) Historical and Statistical Excursus

Pubblicato 28 Agosto 2013


SPORT Atletica leggera
AUTORE Vladimir Spichkov
EDITORE www.sovsportizdat.ru
CONTENUTO Cogliendo l'occasione dell'organizzazione delle Universiadi a Kazan (Russia) - luglio 2013 - l'autore ha trovato il modo di dare alle stampe un compendio dei Giochi mondiali per gli studenti universitari: di tutte le discipline dell'atletica presenti alle varie edizioni delle Universiadi vengono riproposti i primi tre classificati e brevi commenti. Piccolo inserto di foto in bianco e nero, molti dei quali della epoca del CCCP e della falce e martello sulla maglia rossa. Fra gli altri spuntano Sara Simeoni, Gabriella Dorio, Anna Rita Sidoti e Paolo Dal Soglio.
UNA FRASE  
ACQUISIZIONE Ricevuto in omaggio dall'autore durante i Campionati del mondo, a Mosca, agosto 2013
ANNOTAZIONI Testo in cirillico 

 

International Athletics Annual 1954

Pubblicato 18 Agosto 2013


SPORT Atletica leggera
AUTORE Roberto L. Quercetani (a quel tempo presidente della Association of Track and Field Statisticians) e Fulvio Regli (segretario generale della stessa)
EDITORE World Sports, London, 1954 
CONTENUTO Primati mondiali uomini (approvati dalla I.A.A.F. al 1° maggio 1954); liste mondiali uomini (compilate dallo stesso Quercetani e dallo statunitense Don H. Potts), seguite dalle liste delle migliori prestazioni (stessi autori); liste dei migliori atleti europei (Quercetani-Regli); primati nazionali e campionati nazionali per parecchi Paesi (raccolti da Heinz Vogel); risultati dei principali incontri per Nazioni (Vogel); risultati dei Giochi internazionali (Pan Arabian Games, Giochi mondiali della gioventù, Giochi mondiali universitari, Maccabiadi); liste di tutti i tempi (Quercetani-Potts); migliori prestazioni 1954 in pista coperta (Quercetani); primati mondiali donne (lista I.A.A.F. al marzo 1953); liste mondiali donne 1953 (compilate da Eric Kamper, Fulvio Regli e Zoltan Subert). Per la prima volta vengono inseriti anche degli articoli, in lingua inglese ovviamente. Il primo porta la firma di Harold Abrahams, il campione olimpico dei 100 metri di Parigi 1924, che della A.T.F.S. era il presidente onorario. Di che cosa tratta quello scritto? Del famosissimo primato mondiale del miglio stabilito dal britannico Roger Bannister giovedì 6 maggio 1954: 3:59.4, primo atleta a scendere sotto i 4 minuti. "The 4-min. mile at last", con una breve storia della evoluzione del record su questa distanza tipicamente british. Don Potts dedica ben 5 pagine al suo "cavallo di battaglia": "World's fastest humans", gli sprinters. Quercetani, in sette pagine, getta le basi di un lavoro che negli anni '90 diventerà un gran libro: "History's Greatest two-lap runners", i corridori di 800 metri.

Alcune sottolineature in chiave femminile dalla lettura delle liste 1953. Nei 100 metri troviamo ancora al vertice quella Francina Blankers, nominata atleta del Secolo dalla I.A.A.F. nel 1999, ma leggiamo pure i nomi di due italiane: Giuseppina Leone (11.9) e Milena Greppi (12.1). Le stesse sono presenti anche nei 200 metri (Leone) e negli 80 metri ostacoli (Greppi), e insieme a Converso e Musso anche con la staffetta 4x100. Nelle liste europee, 400 metri uomini, attira la nostra attenzione il milanese Gianni Rocca (48.8), recentemente scomparso (11 agosto 2013). Spulciando il salto in alto, un nome viene subito agli occhi: quello della diciassettenne rumena Iolanda Balas (1.60). Colui che diventerà suo marito, Ion Söter, quell'anno saltò 2 metri (ma aveva già 2.03 dell'anno precedente) e vinse, con la stessa misura, i Giochi mondiali della gioventù, che si disputarono proprio a Bucuresti, e che era la massima competizione internazionale organizzata dalle Nazioni del blocco comunista.

Bel corredo di foto: da quella, poi divenuta classica, dell'arrivo di Bannister all'Iffley Road Track, a Gordon Pirie, a un Zatopek-Kuts al Cross de "L'Humanité" a Parigi e una Nina Oktalenko nella stessa gara; foto anche per la sovietica Aleksandra Chudina che spaziava dal giavellotto all'alto, dal lungo al peso, tanto che fu primatista mondiale del pentathlon (su sei risultati la IAAF gliene omologò due). Altri pesisti famosi: il grande innovatore statunitense Parry O'Brien e il cecoslovacco Jíri Skobla; lo sprinter Mike Agostini, il mezzofondista Wes Santee

UNA FRASE  
ACQUISIZIONE Dono del mio amico polacco Janusz Rozum, consegnatomi a Talence (Francia), in occasione del meeting internazionale di prove multiple Decastar. 
ANNOTAZIONI Con questa "new entry", la "Collezione" adesso dispone della serie quasi completa degli Annuals della A.T.F.S.: manca solamente il 1953. Con un po' di fortuna...

 

Athletics Encyclopaedia vol.1 & 2

Pubblicato 10 Agosto 2013



SPORT Atletica leggera 
AUTORE Vladimir Spichkov 
EDITORE  
CONTENUTO Enciclopedia in due volumi, pubblicata nel 2012, sotto l'egida della Federazione russa, in occasione del centenario della fondazione della Federazione mondiale di atletica. Esistono altre opere analoghe, alcune delle quali presenti in "Collezione".
UNA FRASE  
ACQUISIZIONE Omaggio dell'autore, durante i 14esimi Campionati del mondo di atletica, a Mosca nel mese di agosto 2013 
ANNOTAZIONI Scherzando, posso dire che si tratta...di un'opera di peso: chilogrammi 3,800! Ovviamente, i due volumi sono scritti in cirillico.

 

Sei qui: Home Cartastorie